VALLE

La valle è una formazione del paesaggio terrestre, di ampiezza variabile, caratterizzata da una zona depressa che si estende in lunghezza fra due pendici montuose; generalmente la valle è solcata da un o più corsi d'acqua del quale costituisce parte del suo bacino idrografico.

Valle in italiano può indicare anche una depressione del terreno, colma d'acqua per lo più stagnante (il termine è quindi assimilabile a quello di palude).

Le valli possono essere originate da diversi processi, quali l'azione dei ghiacciai, l'azione erosiva di corsi fluviali e le attività tettoniche.

Le distinzioni fra "valle a forma di U" e "valle a forma di V" sono termini descrittivi usati in geografia per caratterizzare la forma del profilo trasversale della valle. La maggior parte delle valli appartengono a uno di questi due tipi principali o a una loro mescolanza, almeno rispetto alla sezione trasversale dei pendii o versanti collinari.

VALLI GLACIALI

Le valli di origine dai ghiacciai sono caratterizzate da una sezione trasversale ad “ U ”, a differenza delle valli formatesi per erosione fluviale, che specie nei tratti montani presentano generalmente sezioni trasversali a forma di “ V ”. Questo perché l'azione erosiva dei ghiacciai sul fondo valle è esercitata dall'intera massa, in lento e continuo movimento, su tutta la superficie di contatto tra essi e il terreno. La maggior parte delle valli di questo tipo hanno avuto origine nelle ere glaciali.

Dopo il ritiro del ghiacciaio, quando il ghiaccio recede o si scongela, resta la valle, spesso disseminata da massi erratici che venivano trasportati dal ghiaccio. Il gradiente della sua superficie non influisce sulla forma del valle, ma la dimensione del ghiacciaio sì. I ghiacciai sono in continuo movimento - specialmente durante la glaciazione - e i ghiacciai di una certa dimensione modellano valli ampie e profondamente incise.

Esempi di valli a U si trovano in ogni regione montana che abbia subito la glaciazione, di solito durante i periodi glaciali del Pleistocene . La maggior parte delle valli attuali a forma di U erano preesistenti valli, originariamente a forma di V prima della glaciazione, che costituirono il tracciato morfologico su cui il ghiacciaio poté avanzare. I ghiacciai le hanno scavate più ampie e profonde, allo stesso tempo mutandone il profilo trasversale. Questo si verifica attraverso i processi di erosione glaciale in seguito alla glaciazione e all'abrasione, che si traduce nell'abbondanza di materiale roccioso (morena glaciale) trasportato precedentemente nel ghiacciaio. Sul letto della valle viene a depositarsi un materiale composto di argilla e massi (boulder clay). Quando il ghiaccio fonde e si ritira, la valle viene lasciata con fianchi molto ripidi e un ampio fondo piatto e a volte attraversata da un fiume o da un ruscello, che rimpiazza il corso d'acqua originario, noto come misfit stream (che significa corso d'acqua disadattato o non idoneo ovvero inadeguato), poiché è più piccolo di quello che ci si aspetterebbe in proporzione alle dimensioni della valle.

VALLI FLUVIALI

Le valli originate da corsi fluviali sono le più comuni e la loro genesi è evidentemente legata all'azione erosiva delle acque, che è tanto maggiore quanto è più elevata la pendenza da superare. Pendenza che nel tempo varia per effetto della stessa azione erosiva alla quale è accompagnata l'azione di deposito dei materiali trasportati. Questo alternarsi continuo di erosione e depositi che costituisce la normale evoluzione dei corsi fluviali, che possono anche abbandonare la loro sede trovando vie diverse e formando nuovi alvei, determina anche la storia e la morfologia delle valli di questo tipo. La valle così formata appartiene dunque al bacino idrografico del fiume.

Una valle fluviale profonda viene a volte chiamata canyon o gola.

Una valle fluviale ha di solito una forma a V. La forma esatta dipenderà dalle caratteristiche del corso d'acqua che vi scorre. I fiumi con gradienti di ripidezza, come nelle catene montuose, producono pareti ripide e fondo stretto. I versanti più bassi possono dare origine a valli più ampie e moderate, ma nell'estensione inferiore di un fiume, dove si avvicina al suo livello di base, esso inizia a depositare sedimenti e il fondo della valle diventa una pianura alluvionale.

VALLI DI ORIGINE TETTONICA

Le valli di origine tettonica possono presentare proporzioni enormi, come nell'esempio della Rift Valley, in quanto originate dalla progressiva separazione di due placche della crosta terrestre. La particolarità della genesi di queste valli rende impossibile la classificazione in tipi morfologici ben precisi.

FORME DI TRANSIZIONE E SPALLE VALLIVE

A seconda della topografia, del tipo di roccia e del clima, esistono molte valli con forme transizionali tra V, U e pianeggianti. Il loro fondo può essere ampio o stretto, ma rilevante è anche il tipo di spalla valliva. Nella maggior parte dei casi, più estesa è un valle montana, più in basso saranno situate le sue spalle. Un'importante eccezione sono i canyon, nei quali la spalla è quasi vicina alla cima del versante vallivo. Nelle Alpi - per es. nella valle dell'Inn tirolese - le spalle sono abbastanza basse (100-200 metri sopra il fondo). Molti villaggi sono situati qui (esposti sul lato soleggiato), perché il clima è molto più mite: anche in inverno, quando la superficie valliva è completamente piena di nebbia, questi villaggi restano esposti al sole.

In alcune regioni delle Montagne Rocciose o delle Alpi sottoposte a sollecitazioni tettoniche, le valli laterali sono parallele l'una all'altra e in più sospese. I ruscelli scorrono verso il fiume tra gole profonde e cascate. Di solito questo fatto è il risultato di una violenta erosione delle precedenti spalle vallive. Una genesi particolare la troviamo anche nei circhi glaciali, in ogni glen scozzese, o fiordo settentrionale.

VALLI SOSPESE

Una valle sospesa è, in analogia con un sistema fluviale, una valle tributaria con un fondo posto su un rilievo più alto del "canale" principale nel quale sbocca. Questo tipo di valle è più generalmente associato alle valli a forma di U quando un ghiacciaio tributario defluisce in uno di volume maggiore. Il ghiacciaio principale erode una valle a U con pareti quasi verticali mentre il ghiacciaio tributario, con un volume minore di ghiaccio, forma una valle a U meno profonda. Poiché le superfici dei ghiacciai si trovavano originariamente alla stessa altitudine, la valle meno profonda in seguito apparirà "sospesa" sopra la valle principale. Spesso si formano cascate allo sbocco della valle superiore o nelle sue immediate vicinanze.

BACINI VALLIVI

Di solito l'estensione della valle principale è vasta - indipendentemente dalla forma a U o a V. La sua larghezza in genere oscilla da circa uno a dieci chilometri ed è comunemente riempita con sedimenti montani. La forma del bacino può essere pressappoco orizzontale, simile a un cilindro o terrazzata.

Le valli tributarie sono piuttosto a forma di V che non ad U; vicino alla bocca sono possibili i clammies, se è una valle sospesa. La posizione dei villaggi dipende dal profilo della valle trasversale, dal clima e dalle tradizioni locali e dal pericolo di valanghe o frane. Predominanti sono i luoghi su terrazzi o conoidi di deiezione (se esistono).

L'ubicazione storica dei villaggi all'interno delle valli principali, tuttavia, è in genere considerata potenzialmente soggetta a inondazioni.

HOLLOW

Un hollow è una piccola valle o letto fluviale asciutto. Il termine è di solito utilizzato nel New England, Arkansas, Missouri e Pennsylvania. Gli hollow possono essere formati da valli fluviali (come il Mansfield Hollow) o possono essere crepacci rocciosi (clefts) relativamente asciutti, con una caratteristica simile ai passi montani. Un hollow di questo tipo è il Boston Hollow. In Europa si possono inoltre visitare molti hollow carsici, con stalattiti e di ghiaccio (per es. in Slovenia e in Austria).


LAGHI ALPINI

 

In tempi remoti, giganteschi ghiacciai modellarono i fianchi delle vette alpine, creando conche e vallette oggi occupati da suggestivi laghi.

Sul territorio delle valli di Cuneo se ne trovano numerosi, grandi e piccoli facilmente raggiungibili con interessanti escursioni, moltissimi dei quali si trovano ancora in condizione di elevata naturalità.
ECOLOGIA DEI LAGHI ALPINI

Con il termine “lago alpino” in genere si definisce un bacino lacustre situato al di sopra del limite della vegetazione.
ORIGINE E MORFOLOGIA

I laghi alpini possono essere raggruppati in tre categorie sulla base della loro origine:
LAGHI ALPINI NATURALI, quando la loro esistenza si deve a fenomeni naturali come l’escavazione glaciale.
LAGHI ALPINI ARTIFICIALI, nati in seguito alla costruzione di una diga

LAGHI ALPINI NATURALI AMPLIATI, quando un preesistente lago naturale è stato artificialmente ingrandito con la costruzione di una diga.

RISULTATI DI INDAGINI DEI LAGHI ALPINI

La Valle Stura appartiene alla catena delle Alpi Marittime Settentrionali. In uno studio eseguito da Soldati riporta la presenza di ben 65 laghi principali e 137 laghi minori.

La Valle Maira appartiene alla catena delle Alpi Cozie Meridionali. Riporta la presenza di 28 laghi principali e 80 laghi minori.

La Valle Varaita appartiene alla catena delle Alpi Cozie Meridionali. Riporta la presenza di 29 laghi principali e 87 laghi minori.

La Valle Corsaglia appartiene alla catena delle Alpi Marittime Meridionali. Riporta la presenza di 3 laghi principali e 13 laghi minori.

La Valle Po appartiene alla catena delle Alpi Cozie Meridionali. Riporta la presenza di 19 laghi principali e 32 laghi minori.


Non è consentito utilizzare, anche parzialmente, le pagine, i testi e le immagini contenute nel sito web senza l’espressa e preventiva autorizzazione da parte dell’autore



Non è consentito utilizzare, anche parzialmente, le pagine, i testi e le immagini contenute nel sito web senza l’espressa e preventiva autorizzazione da parte dell’autore