martedì 26 settembre 2017    Registrazione  •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 
Fit Walking con scoprinatura di Enzo Resta
scoprinatura di Enzo Resta
---
     
TROVERETE IL PROGRAMMA DELLE PASSEGGIATE DI FIT WALKING ALLA PAGINA ESCURSIONI
    
     
Camminare bene per stare bene, è una delle più naturali espressioni del comportamento umano, il Fitwalking è l'evoluzione della camminata, in altri termini è l'arte del camminare per la forma fisica divertendosi  portando indubbi vantaggi alla salute quali perdita peso in eccesso, tonificazione muscolare, capacità aerobica ed eliminazione dello stress quotidiano.
    
     
Fit Walking di scoprinatura
    
     
Si effettuano a raggiungimento di un numero congruo di partecipanti . È facoltà dell’Accompagnatore sospendere l’escursione o cambiare itinerario in base alle condizioni atmosferiche e del percorso, potrà inoltre, a suo giudizio, non accettare di accompagnare persone sprovviste di calzature adatte alle escursioni in montagna.
    
--
     
COS'E' IL FITWALKING
 E’ la disciplina sportiva lanciata in Italia dai fratelli Damilano, indimenticabili olimpionici della marcia. E’ “l’arte del camminare”, si tratta di una camminata vigorosa e sportiva che rappresenta l’aspetto fitness del camminare. Ma il Fitwalking può diventare una filosofia di vita protesa verso il benessere fisico e mentale. Può essere propedeutico ad altre discipline sportive, in quanto non presenta controindicazioni, o può essere una attività sportiva autonoma.
Il Fitwalking non è un'attività agonistica, ma non va comunque dimenticato che si tratta di una vera attività fisica rivolta allo star bene fisicamente e mentalmente. Le manifestazioni sportive di cammino Fitwalking non hanno una classifica di tipo agonistico classico, ma sono animate dal concetto del ritmo e passo giusto.
Il Fitwalking aiuta a mantenere il fisico attivo e a combattere lo stress quotidiano senza compiere sforzi eccessivi e senza sovraccaricare le nostre strutture muscolari, articolari ed ossee. E' un'attività che apporta grandi vantaggi all'organismo permettendo di riscoprire lo star bene mentale e fisico, senza le controindicazioni che possono invece presentare alcuni sport. Aiuta a scaricare le tensioni mentali accumulate nella vita di tutti i giorni e vi farà scoprire il piacere di vivere in modo nuovo e diverso.
Il Fitwalking trova notevole riscontro nella pratica da parte del sesso femminile, dato che una delle sue caratteristiche è quella di tonificare e modificare l'aspetto di muscoli determinanti anche dal punto di vista estetico (glutei, cosce..). I benefici derivanti dalla pratica del Fitwalking a favore di muscoli e articolazioni permetteranno di farvi acquistare elasticità e mobilità rendendovi più agili e liberi da tensioni muscolari, pronti eventualmente anche per l'inizio di una nuova disciplina sportiva.
Il Fitwalking, con le sue caratteristiche allenanti, rappresenta infatti un ottimo punto di partenza per coloro che intendono avvicinarsi all'attività fisica partendo da una condizione di assoluta sedentarietà o riprendere a fare sport dopo molti anni di inattività, in maniera graduale costituisce la giusta base per affrontare attività più impegnative, senza il rischio di fastidiosi infortuni o di scoraggianti insuccessi. Per le sue caratteristiche si presta ottimamente ad essere uno strumento completo da integrare nel normale allenamento per qualsiasi tipo di sport e può essere praticato da atleti in ripresa dopo infortuni o durante l’infortunio stesso, per evitare di fermarsi completamente. La pratica costante e crescente in termini di intensità e durata del Fitwalking, associata ad una corretta alimentazione, produce anche effetti positivi sulla perdita di peso corporeo garantendo tuttavia il mantenimento di un buon tono muscolare. Gli effetti prodotti dal Fitwalking e dall’alimentazione sana hanno benefici importanti anche e soprattutto nella prevenzione di malattie cardiovascolari rafforzando la capacità contrattile del cuore e migliorando i processi circolatori in tutto l’organismo. Fitwalking come stile di vita quindi, come attività quotidiana finalizzata allo star bene per trasformare positivamente le nostre abitudini. Il Walking Center Italia offre a tutti la possibilità di apprendere e praticare questa disciplina grazie ai propri istruttori di Fitwalking qualificati presso la "Scuola del Cammino" dei f.lli Damilano. VISITA IL SITO DEL FITWALKING : www.fitwalking.it 
    
     
A CHI È RIVOLTO
Il fitwalking può essere praticato:
Persona che ha bisogno di mantenere il suo fisico attivo, per combattere la vita sedentaria imposta dal proprio lavoro e di cercare di prevenire malattie cardiovascolari; chi desidera compensare, con un'attività alla portata di tutti le situazioni quotidiane di stress che possono provocare danni fisici e psicologici; chi è soprappeso, con sessanta minuti di fitwalking si possono bruciare circa 300/400 calorie; con la corsa se ne possono consumare in maggiori quantità, ma sicuramente in modo più traumatico per le articolazioni e i tendini; donne che cercano un'attività fisica capace di sviluppare e tonificare alcune parti anatomiche di rilevante importanza estetica (pettorali e glutei), senza arrivare a sforzi e fatica troppo elevati; coloro che praticano attività aerobiche specifiche, quali ad esempio il trekking, e desiderano mantenersi allenati anche nei periodi in cui si trovano nei loro luoghi di residenza; da coloro che, dopo anni di inattività, intendono iniziare la pratica di un'attività sportiva di tipo aerobico (la corsa, la mountain bike, il ciclismo l’escursionismo e così via); coloro che devono ricuperare dopo infortuni muscolari e/o articolari e che hanno piccoli problemi cardiaci o che sono reduci da lievi infarti, esistono a tale proposito diversi studi medici.
    
     
I BENEFICI
È un'attività dimagrante, rigenerante dal punto di vista fisico e psicologico e un ottimo antistress. È considerato una delle migliori attività motorie per la prevenzione di molte malattie, principalmente nei disturbi a carico dell'apparato cardio-circolatorio. favorisce l'acquisizione ed il mantenimento di un ottimo tono muscolare. Aiuta a combattere le dislipidemie (ossia le alterazioni dei tassi nel sangue del colesterolo e di altri grassi), l'osteoporosi, l'alta pressione del sangue ed il diabete. In molti casi aiuta a perdere il vizio del fumo. Sono molti i vantaggi anche dal punto di vista mentale: si scaricano più facilmente le tensioni della vita quotidiana e del lavoro, si riduce la depressione aumentando la resistenza agli stress.
    
     
DOVE
Naturalmente il fitwalking si può praticare ovunque andando in ufficio, nella pausa pranzo o su un tapis roulant a casa propria, lungo le strade sterrate dei parchi, lungo le distese spiagge.  
    
     
AL RITMO GIUSTO
Camminare è un'attività alla portata di tutti e che chiunque può svolgere secondo i propri tempi. Non cosa da poco, in una società che spesso ci costringe a stare al passo con ritmi di lavoro e di vita tremendamente serrati. Il fitwalking, invece, regala la sensazione di una grande libertà, proprio perché può essere praticato dove, come e quando lo si desidera; inoltre aiuta a mantenersi in forma e, di conseguenza, a sentirsi meglio. Tutti fattori che contribuiscono a migliorare l'umore, l'autostima e consentono il raggiungimento di un certo equilibrio psico-fisico. Sembra, infatti, che praticare quest'attività permetta di scaricare più facilmente le tensioni della vita quotidiana, aumenti la resistenza agli stress e riduca persino la depressione.
    
     
UNA CAMMINATA AL GIORNO
Gli effetti positivi più importanti sono quelli sulla salute se praticato con regolarità almeno 2/3 volte alla settimana da 30/40 minuti, il fitwalking aiuta a combattere le alterazioni dei tassi di colesterolo e di altri grassi. Aiuta anche a prevenire alcune malattie dell'apparato cardio-circolatorio, come l'ipertensione. E poi è utile per chi soffre di diabete, combatte l'osteoporosi ed è ottimo per chi deve riprendersi dopo un infortunio.
    
     
LA TECNICA
È semplice, poiché non è altro che una camminata fatta a passo più vigoroso, è un gesto semplice e naturale. Per farlo in maniera corretta bisogna seguire qualche piccola regola. Per esempio, è importante saper utilizzare e sfruttare al meglio la ciclicità del movimento, facendo attenzione alla distribuzione del peso sulle gambe e all'appoggio del piede sul terreno, che non deve essere a martello, ma seguire la successione tallone-pianta (tampone inchiostro). A questo punto basta associare la giusta impostazione di braccia e tronco: le braccia vanno piegate raggiungendo un'angolazione di circa 90° e devono oscillare avanti e indietro con un movimento che tende a spingere la mano verso un immaginario punto posto centralmente al petto. Il busto leggermente inclinato in avanti e rilassato, così come le spalle e il collo devono evitare ogni rigidità. Questa postura facilita la spinta e consente più veloci.
    
     
IL RITMO
Oltre alla tecnica anche il ritmo è importante. Cominciare gradualmente, procedendo con costanza e aumentando di volta in volta l'intensità del lavoro. Perché se si sottopone a uno sforzo esagerato, si va inevitabilmente incontro non solo a un affaticamento eccessivo, ma anche a lesioni e ci si preclude la possibilità di migliorare o peggio ancora, si rischia di abbandonare. E' fondamentale, quindi, non solo la gradualità ma anche l'alternanza di sollecitazioni intense a momenti di recupero, così l'organismo può metabolizzare gli stimoli a cui viene sottoposto e migliorare la propria resistenza. È possibile tenere sotto controllo il proprio allenamento con un cardio frequenzimetro, per verificare che le pulsazioni non aumentino troppo. A qualsiasi età, da soli o in compagnia, all'aperto o indoor, il fitwalking è una disciplina così flessibile e modulare suddivisa in tre categorie:
 
Life Style
In questa famiglia si trovano coloro che guardano al fitwalking principalmente come momento di svago a contatto con la natura (vedi CULWALKING di SCOPRINATURA). Sono le persone che amano passeggiare, muoversi a piedi in luoghi e situazioni varie. Non hanno mire particolari sotto l’aspetto prestativo ma sono attratti dalla filosofia di vita legata al camminare.
 
Performer Style
Il performer style coinvolge invece gli appassionati del fitwalking che aggiungono alle motivazioni del life style un interesse per gli aspetti di fitness. Amano affinare al meglio la tecnica di cammino e praticare il fitwalking quale attività motoria di tipo allenante. Pur in presenza di uno spirito sportivo non sono agonisti ad ogni costo, ma ricercano il miglioramento delle proprie capacità fisiche, dell’efficienza di camminatori veloci e resistenti. Chi pratica il performer style è attento al lato del benessere fitness (forma fisica) dell’attività, con particolare rilevanza verso gli aspetti estetici e fisici (dimagrimento, tonicità muscolare, rilassatezza psicologica, efficienza fisica in genere). Pratica volentieri anche il fitwalking indoor (camminando sul tapis roulant) e ama misurare a volte il proprio grado di preparazione ed efficienza.
 
Sport Style
Lo Sport Style coinvolge soggetti sportivi. Appassionati che amano il confronto della performance fatta sia in allenamento sia in gara. Si preparano specificatamente, partecipano regolarmente ad eventi o affrontano sfide personali (tipo lunghe camminate con obiettivi di tempo) allenandosi quotidianamente. Sono persone che hanno trovato nel fitwalking un tipo di sport adatto al loro attuale livello fisico, senza dover rinunciare alla voglia di misurarsi con se stessi e con gli altri.
    
COME CAMMINARE
Il fitwalking rappresenta l'aspetto allenante del cammino. E’ l’arte del camminare bene, a passo sostenuto. Si tratta di un esercizio alla portata di tutti perché non è traumatico per le articolazioni quindi è adatto per esempio a chi a problemi alle ginocchia oppure a chi è in soprappeso. Se è vero che si tratta di cammino, è vero anche che per poter camminare bene e a passo svelto bisogna conoscere qualche aspetto tecnico :
 
Giusto uso del piede  -   Azione tonica e dinamica delle gambe   -  Corretto lavoro delle braccia
 
L'uso del piede deve compiere una "rullata" completa. Si inizia con l’appoggio del tallone, facendo attenzione ad alzare bene la punta in modo che si formi un angolo ben definito tra il tallone appoggiato e il terreno. Si passa poi alla pianta dove inizia gradualmente la fase di spinta che si concluderà solo con l’appoggio e la spinta della punta del piede fino a tutte le dita. Quindi il piede si usa tutto.
Il tallone ha una doppia funzione. E’ lo stabilizzatore del passo, il suo appoggio aiuta ad evitare tutte quelle fastidiose distorsioni che spesso si prendono senza motivo, ed è un aiuto per il sangue che dalle gambe torna al cuore.
Il lavoro del piede e delle gambe la cui muscolatura è tutta coinvolta dalla fase di appoggio, quando è richiesto un maggior impegno del quadricipite, fino a quella di spinta che coinvolge in particolar modo il bicipite femorale, i polpacci e i glutei. Naturalmente questo movimento è fatto tenendo la gamba morbida, non rigida sul ginocchio, e per dare maggiore scioltezza al movimento basta aggiungere un buona mobilità del bacino. Il tutto produrrà un passo armonico, ampio e dinamico.
Il movimento delle braccia contribuisce attivamente a dare azione di spinta dei piedi e delle gambe, forza ritmo necessari per una azione armonica e corretta. Con le braccia piegate, tenerle a 90° ma si possono tenere anche leggermente distese lungo i fianchi, azione meno sportiva ma ugualmente efficace, e con le spalle rilassate, si effettuano oscillazioni energiche con il gomito che raggiunge quasi l’altezza delle scapole e le mani che giungono fino ad una linea immaginaria di fronte allo sterno.
Il fitwalking è un’attività allenante, la muscolatura infatti è ampiamente coinvolta, è modellante, si pratica all’aria aperta e non ha bisogno di un’ attrezzatura tecnica particolarmente dispendiosa.
La sua completezza sta nel fatto che camminando, si può riflettere, pensare, concentrarsi su cose che durante il resto della giornata dobbiamo tralasciare, una valvola di sfogo.
     
CHE COS’È
È  l’arte del camminare e fa parte del grande “pianeta WALK-IN”. E’ una forma di praticare il cammino che ne evidenzia tutte le potenzialità e va oltre il semplice camminare. Il termine inglese significa letteralmente “camminare per la forma fisica”; è il denominatore comune per tutte le attività di cammino che escono dalla normale locomozione quotidiana e diventano attività sportiva, per il tempo libero, per il divertimento, per il fitness, per la salute, per il benessere.  “L’arte del fitwalking” sta proprio nella scoperta che non è sufficiente camminare per fare al meglio la passeggiata, il trekking, lo sport, il tour culturale e turistico o l’attività salutistica, ma è necessario camminare bene, ossia camminare osservando una corretta meccanica del movimento, acquisita conoscendo e praticando la tecnica del fitwalking. Il fitwalking è quindi anche una filosofia che accompagna la vita quotidiana, per renderla più viva, più equilibrata e ritmata. E’ un modo di vivere che permette di entrare nel quotidiano al passo giusto, al ritmo corretto, in equilibrio assoluto tra noi e ciò che ci circonda. Se si pensa alla frenesia della vita di ogni giorno ben si capisce l’importanza di inserire nella nostra giornata un momento in cui tutto rallenta e dove il rapporto tra tempo e spazio prende una dimensione assolutamente diversa e si conquista un’efficienza fisica nuova e un senso di libertà assoluta. La libertà di muoversi dove si vuole ed alla velocità desiderata, di lasciare vagare i pensieri, di soffermarsi a scrutare l’orizzonte o di tirare dritto con passo deciso e sicuro. Fare fitwalking con regolarità è un po’ come tornare indietro nel tempo, quando camminare era l’unica vera forma di locomozione che permettesse a tutti di muoversi per lunghi tragitti o di spostarsi per brevi tratti e compiere le normali azioni del vivere quotidiano. Un insieme così vasto di concetti e situazioni ha però bisogno di una sintesi che ne limiti i contorni in modo più chiaro. Il pianeta WALK-IN ha nel fitwalking una specifica situazione che si unisce, ma nello stesso tempo si distingue, dal normale camminare, dal farlo per turismo, per arte, per cultura, ambientalismo o amore per la natura. Ecco perché il fitwalking l suo interno si caratterizza in 3 categorie, o famiglie, che, per comodità, includono tutti i diversi modi di intendere il fitwalking, e nelle quali ognuno potrà individuare la più corrispondente alle sue mire ed esigenze di camminatore.
    
     
LE SCARPE 
Le scarpe rappresentato l'unico vero strumento  per la pratica del Fitwalking. chi inizia utilizza scarpe per correre spesso senza considerare caratteristiche e usura che rappresentano indubbiamente la soluzione ”meno peggio” rispetto a scarpe da palestra, considerando anche che scarpe specifiche da marcia sono quasi introvabili sul mercato, ma laddove si comincia a praticarlo con costanza, è consigliato utilizzare una scarpa con le caratteristiche corrette. È consigliabile una scarpa ben ammortizzata e stabile per sostenere l'arcata del piede e rendere la porzione mediale più rigida alla torsione. Esistono inoltre da qualche tempo  sul mercato  scarpe dedicate specificatamente al walking. 
    
ABBIGLIAMENTO
Deve consentire una certa libertà di movimento. Come inizio, per le donne è sufficiente una t-shirt o canotta ed un paio di fuseaux in caso di basse temperature un’idea può essere di indossare sotto il fuseaux una calzamaglia tagliando la parte dei piedi. Per l’uomo una t-shirt in cotone traforato ed un paio di pantaloni sportivi comodi possono inizialmente andare bene. Il vestiario, sarà sempre comunque in relazione alla stagione: non troppo coperti d’estate ed in primavera, mentre d’inverno converrà vestirsi a strati (a cipolla) di modo che in relazione al clima ed alle giornate ci si potrà alleggerire o coprire meglio, per ripararsi dal vento e/o dal freddo .Esistono ormai in commercio tutta una serie di capi di abbigliamento sportivo in materiale tecnico molto utili e non eccessivamente costosi, freschi, che permettono una adeguata traspirazione. I tessuti acrilici di nuova generazione, sono difatti studiati proprio per non trattenere il sudore a contatto con la pelle, per riscaldare quando la stagione lo richiede, pur essendo molto leggeri, oppure molto traspiranti per le stagioni calde.  I tessuti naturali, certamente molto buoni per la pelle, (cotone e lana ad esempio)  sono ormai considerati poco adeguati  in particolare quando si inizia a  praticare il FW ad un discreto ritmo in quanto hanno la caratteristica di assorbire molto il sudore che rimane così costantemente a contatto con la pelle, finendo di asciugarsi anche addosso nelle lunghe uscite, o creando problemi in caso di eventuali cambi di clima durante l’uscita. Importante è poi coprire la testa con un cappellino, sopratutto per chi non è abituato ad effettuare attività in inverno per evitare problemi di sinusiti o emicranie e riparare l'atleta dal freddo. D’estate per ripararsi dal sole il cappellino deve essere preferibilmente di colori chiari, in tessuto leggero e non deve essere stretto. Per chi soffre il freddo alle mani d’inverno è possibile utilizzare anche i guanti.
     
CALZINI
Sono importanti. I modelli consigliati sono quelli da running in quanto di materiale leggero ed elastico, con cuciture non fastidiose nel movimento e provvisti di un leggero elastico centrale che evita la torsione del calzino, evitando l’insorgere di piccole vesciche.
    
     
ZAINETTI
Sconsigliamo l’utilizzo di marsupi ingombranti e dei  classici zainetti da passeggio o da trekking tradizionale, in quanto ingombranti e generalmente non permettono il corretto movimento. Si consiglia l’utilizzo di zainetti specifici che sono stretti, leggeri, di dimensioni ridotte e  anche con il movimento restano a diretto contatto con la schiena  permettendo quindi il corretto movimento sia di braccia che di bacino.
    
     
LA RIVISTA SPORTIVA "CAMMINARE" FITWALKING & WELLNESS
La rivista Camminare, è un periodico, dedicato all'arte del Fitwalking che dal 2010 presenta una nuova veste grafica, nuove rubriche ma come sempre tante notizie interessanti per gli amanti del cammino. Facilmente reperibile in edicola. VISITA IL SITO DELLA RIVISTA : www.camminareweb.it   
    
     
scoprinatura di Enzo Resta
    
scoprinatura.it di Enzo Resta
scoprinatura di enzo resta
     
Enzo Resta - scoprinatura.it
    
scoprinatura.it  -  di Enzo Resta
Rivista Camminare
scoprinatura di Enzo Resta  -  www.scoprinatura.it
Enzo Resta   P. IVA:  03490070046  telef.  3385811520  
Tutti i diritti riservati